OSTEOPATIA E GERIATRIA

 

Con l’avanzare dell’età si va incontro ad una serie di problematiche che possono condizionare seriamente la qualità della vita. Questo è dato in parte dalla fisiologica degenerazione a cui il nostro corpo va incontro con il passare del tempo, in parte da fattori che incorrono nella vita stessa come lavoro, traumi, patologie ecc..

L’invecchiamento è una realtà biologica, un processo sociale, un cambiamento economico e sociale. Vi sono vari alterazioni: la pelle è più vulnerabile, disidratata, vi sono modificazioni neuromuscolari, urogenitali, respiratorie, aumenta il rischio di cadute ecc.. Patologie come artrosi, artriti e dolori articolari sono da considerarsi fisiologiche, normali ad una certa età ma non si può permettere che queste condizioni compromettano in modo debilitante una persona; i dolori causati da queste patologie portano ad adottare posture scorrette che, a lungo termine, moltiplicano le tensioni delle differenti zone del corpo, aumentando quindi il dolore.

Allo stesso tempo l’aspettativa di vita aumenta costantemente, nel 2050 gli anziani nel mondo saranno 2,4 mld. In Italia sono già il 20% della popolazione.

I sistemi sanitari sono pronti?.

L’OSTEOPATIA E’ PRONTA?

L’STEOPATIA GERIATRICA richiede la valutazione complessiva di vecchi malati e disabili. Ciò comporta una stretta collaborazione interdisciplinare con altri professionisti (geriatra, fisiatra, fisioterapisti, infermieri, dietisti, assistenti sociali e molti altri operatori sanitari). L’osteopata esperto di geriatria deve lavorare a stretto contatto con i medici di famiglia, psichiatri e molti altri specialisti clinici al fine di garantire che gli anziani ricevano i massimi livelli possibili di cure per mantenere e promuovere l’indipendenza e il benessere della persona.

L’osteopatia può essere un aiuto molto prezioso per questa fase della vita: con trattamenti dolci e indolori, si possono affrontare le varie problematiche che condizionano la persona anziana nella vita di tutti i giorni.

Gli obiettivi osteopatici in geriatria sono: potenziare o riorganizzare l’autonomia dei pazienti, prevenire disordini funzionali secondari, prevenire disordini multisistemici, migliorare o recuperare la respirazione, la funzione muscoloscheletrica, i fluidi, alleviare il dolore ecc.

Quando rivolgersi all’osteopatia?

I trattamenti osteopatici sono indicati in caso di:

  • dolori muscolari
  • diminuzione o perdita della mobilità articolare
  • problemi funzionali a livello viscerale
  • problemi del sonno
  • abbassamento momentaneo delle capacità intellettive
  • caduta senza perdita di conoscenza o senza fratture
  • problemi di tipo otorino-laringoiatrico (ORL)
  • cefalee

Altrettanto importante è l’approccio preventivo:

  • per fare un bilancio della propria salute
  • quando si interrompe l’attività lavorativa
  • prima di iniziare una nuova attività sportiva

Oltre ai problemi riguardanti l’apparato muscolo-scheletrico, il trattamento osteopatico risulta efficace per patologie molto comuni come ipertensione e ipotensione, difficoltà intestinali, incontinenza urinaria e problemi vascolari, migliorando il metabolismo e la funzionalità dei vari organi e favorendo la circolazione sanguigna ed il drenaggio

Il trattamento osteopatico può migliorare l’insufficienza respiratoria senile causata da: anchilosi e rigidità delle articolazioni costo-vertebrali e delle cartilagini costali, da irrigidimento della colonna cervicale e dorsale, da perdita di tono dei muscoli erettori del rachide e del comparto muscolare addominale. Allevia notevolmente la sintomatologia, ristabilendo la mobilità e la funzionalità del corpo e aiutando il paziente a ritrovare il benessere ed una vita più serena.

Negli ultimi anni anche l’osteopatia sta prendendo in alta considerazione il mondo geriatrico, io stesso grazie alla possibilità di parteciapare alla stesura di alcune tesi ho cercato di sviluppare alcuni approcci su problematiche tipiche dell’anziano sia in ambito strutturale con approcci alle problematiche degenerative articolari, che in ambito respiratorio trattando la BPCO, che in ambito neurologico con un interessante lavoro sulla demenza senile.